Sei in » Turismo » Eno-Gastronomia
21/07/2017 | 18:06

Il sodalizio 'Quelli del Presepe' cercherà il prossimo 5 agosto di realizzare la pitta di patate più grande del mondo. Questa pietanza tipica salentina vanta innumerevoli tentativi di imitazione, ma non ha eguali per colori e tripudio di sapori.


La pitta di patate


Cutrofiano. A  Cutrofiano in questi giorni fervono i preparativi e ci si impegna alacremente in una corsa contro il tempo e contro lo spazio.
  
Un gruppo di giovani, infatti, l'Associazione culturale Quelli che il presepe,si sta prodigando nell’organizzazione di un evento che potrebbe diventare uno dei momenti clou dell’estate salentina, ovvero la realizzazione della pitta più grande del mondo, prevista per il prossimo 5 agosto.
  
Non chiamatelo il gateau dei record, perché non si tratta di un mero sformato di patate, come nella tradizione dei piatti tipici della cucina partenopea, ma soprattutto attenzione a  non chiamarla semplicemente pizza…. I ragazzi si offenderebbero…
  
La Pitta di patate salentina non ha sinonimi e anche se vanta, come una nota rivista enigmistica, innumerevoli tentativi di imitazione, non ha eguali per colori e tripudio di sapori.
  
Ecco perché l'Associazione culturale Quelli che il Presepe di Cutrofiano ha pensato di festeggiare questa eccellenza della cucina locale con un evento letteralmente gigantesco, provando a realizzare per gli ospiti (pugliesi e non) una colossale Pitta di patate che si potrebbe definire “Big Pitt One”.
  
In quella serata, a partire da Viale della Repubblica (presso Villetta Padre Pio),si potrà assistere all’avvio dello stupefacente Corteo della Pitta. La grande pietanza sarà trasportata a mano, attraversando il paese, fino a giungere, sulle note della banda dei giovani ragazzi dell'Associazione Musicale Don Bosco, in Piazza Municipio.
  
Tutti potranno prendere parte al festoso ed entusiasmante Viaggio della Pitta.
  
Dalle ore 21.00 la pitta verrà quindi scoperta per la foto ufficiale, grazie all'aerofotogrammetria (nel caso in specie molto utile al rilevamento di tanta bontà non percepibile al livello del suolo.Il primo taglio darà il via alla sera.
 
Dalle ore 21.30 "Folkalore" in concerto! Con ritmi folk incalzanti su testi salentini, tipici e inediti. Un contorno allegro e di sostanza!
  
Oltre alla pitta non mancheranno stand gastronomici con altri piatti salentini.
  
L'organizzazione è curata anche dall’Associazione Fahre, dal Circolo Ayni, dall'Associazione parrocchiale “Il sogno di Federico”, dal Centro Anziani e dalla ProLoco, con il Patrocinio dell'Amministrazione locale.Per una grande serata aspettiamoci unagrande pitta, la più grande del mondo e sarà…Pitta Regina, ma…per cortesia…non chiamatela…Margherita…
  
Fausto Melissano




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |