Sei in » Attualità
04/03/2017 | 09:45

All'assemblea nazionale di Cesena, oltre a Melegari interverrà anche Antonio Tarantini, dello staff organizzativo de 'Li Ucci Festival'. A partire dalle ore 14.30, una vera e propria rete nazionale in sinergia, promossa a Cesena dal MEI.


Li Ucci Festival a Cesena


Cutrofiano. Grande appuntamento nel pomeriggio odierno con l’Assemblea nazionale di festival del folk e word music, etnici e di musica popolare italiani di Cesena. A partire dalle 14.30, si creerà una vera e propria rete nazionale di settore, in sinergia con la rete dei festival promossa dal Mei. Alla manifestazione parteciperà anche lo staff organizzativo de "Li Ucci Festival" di Cutrofiano.
Durante l’assemblea di domani, infatti, verrà presentata la terza edizione del Premio nazionale Folk nuove generazioni – ideato da Antonio Melegari e con direttore artistico de Li Ucci Festival di Cutrofiano – che ha visto sin da subito la partnership e la collaborazione attiva del Mei di Faenza e della Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli. Oltre a Melegari, interverrà all’assemblea anche Antonio Tarantini, dello staff organizzativo de «Li Ucci Festival».

Essere stati invitati – dice Melegari – ma soprattutto confrontarci con altre realtà italiane legate al mondo del folk e della world music e quindi portare la nostra realtà cutrofianese sui tavoli di incontro nazionale, è per noi motivo di grande soddisfazione e orgoglio”. “Come fondatori del Premio Folk Nazionale – aggiunge – saremo pronti ad aprire le porte a nuove realtà italiane affinché la Rete di Festival del premio cresca sempre di più”. “Il confronto e lo scambio di idee è sempre momento di crescita – sottolinea – Essere presenti a Cesena all’interno della fiera "Sono Romagnolo" per discutere della situazione italiana dei festival folk e di musica popolare in Italia sarà sicuramente un’opportunità per portare anche l’esperienza degli altri festival nella nostra Cutrofiano”.

Il sindaco Oriele Rolli è soddisfatto per aver sostenuto il Festival sin dal primo giorno. "Abbiamo istituzionalizzato Li Ucci Festival – spiega Rolli – perché crediamo in un progetto che ha le fondamenta e che ogni anno riesce a portare a Cutrofiano turisti da ogni parte d’Italia in un periodo dell’anno inusuale per le vacanze”.

Il nostro impegno – conclude – è quello di sostenere associazioni, come la «Sud ethnic» che credono nella cultura del territorio e nella crescita del nostro paese".




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |