Sei in » Cronaca
18/11/2016 | 14:16

Per un dipendente della Asl di Lecce ed ex sindacalista, Dario Luigi Cagnazzo si sono aperte le porte del carcere di Lecce. Nella dependance della sua abitazione, i carabinieri hanno scoperto pi¨ di 70 chili di marijuana che avrebbero fruttato circa 700mila euro.


La marijuana trovata in casa dell'ex sindacalista


Cutrofiano. Una casetta in legno che avrebbe dovuto contenere soltanto gli attrezzi era stata trasformata in un vero e proprio deposito di stoccaggio di sostante stupefacenti. Una scoperta ‘insolita’ quella dei carabinieri della compagnia di Gallipoli che hanno ritrovato decine e decine di scatoloni e barattoli di vetro, dove erano custoditi settantatré chili di marijuana, grammo in più grammo in meno. E ancora lampade alogene, contenitori di plastica e bilancini di precisione… Insomma, non mancava nulla in casa di un insospettabile dipendente della Asl, finito in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio. Si tratta di Dario Luigi Cagnazzo, 57enne noto per le sue battaglie sindacali con la FSI. Per l’uomo si sono aperte le porte del Carcere di Lecce.  
   
Una volta lavorata, confezionata e immessa sul mercato, la droga avrebbe potuto fruttare circa 700mila euro. «Di più non possiamo dire – ha commentato il comandante della compagnia di Gallipoli, Francesco Battaglia nel corso della conferenza stampa – si tratta di un’operazione delicata e sono ancora molti i punti da chiarire». A spiegare come mai la dépendance della sua abitazione sia stata adibita a “magazzino”, potrebbe raccontarlo lo stesso ex sindacalista nel corso dell’interrogatorio di garanzia che si terrà domani mattina, davanti al Gip Stefano Sernia. L’uomo è assistito dall’avvocato Michelangelo Gorgoni.  
    
Ma non è finita qui, a finire nei guai per lo stesso reato è stato anche il figlio 30enne dell’uomo, denunciato in stato di libertà. Durante la perquisizione, infatti, i militari hanno scoperto nella sua abitazione 700 grammi di marijuana nascosti in un barattolo. 
 
 





Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |